Il chip A4 di Apple che fa da CPU all'iPad

Ecco arrivare, puntuale come sempre, l’analisi di iSuppli sui costi di produzione dell’iPad. Dall’analisi emerge che il prodotto dovrebbe costare, relativamente ai componenti hardware utilizzati, almeno 259 dollari. iSuppli fa anche due conti sui costi del materiale necessario per produrre i modelli da 32 e da 63 GB, rispettivamente 239 e 348 dollari. Ovviamente nei costi non è contemplato il sistema operativo e il resto del software di base, che come sanno tutti (soprattutto chi ha acquistato un notebook ‘freedos’, ovvero con Linux al posto di Windows) incide notevolmente sul prezzo di un qualsiasi dispositivo.

Tra l’altro le stime condotte prima del lancio ufficiale erano, a quanto pare, sottodimensionate, e ovviamente c’è da tener presente che i costi di produzione non includono quelli, molto più alti, di progettazione preliminare, costi che l’azienda deve necessariamente sostenere per qualsiasi prodotto.

A questo punto potremmo tirare le somme ed esprimere l’apprezzamento per l’azienda di Cupertino che, una volta tanto, ha avuto il coraggio e la lungimiranza di porre un prezzo di partenza onesto per un prodotto a suo modo innovativo, anzi per certi versi rivoluzionario nell’approccio con l’utente e nel rapporto fra quest’ultimo e i contenuti digitali.

Se avete voglia di scendere nei particolari potete consultare l’articolo di Business Week che riporta l’analisi di iSuppli