Come avviare il computer da una memoria di massa diversa da quella principale?

Abbiamo già visto come si può utilizzare un sistema operativo diverso da quello installato sul disco principale del nostro computer ricorrendo all’avvio da una memoria di massa alternativa (per esempio un secondo disco fisso, oppure un disco esterno o un pendrive collegati alla porta USB). Ma come avviene di preciso questa fase di boot alternativo? Diciamo che l’ingrediente fondamentale è la presenza di un secondo disco, oppure di un’altra memoria di massa (comunemente un pendrive) su cui l’altro sistema operativo è stato installato, seguendo eventualmente una procedura particolare. Il vantaggio di avere a disposizione un disco di avvio secondario, tra l’altro, va al di là della semplice curiosità di provare un altro sistema operativo, in quanto potrebbe rivelarsi utile nel caso quello principale avesse problemi di avvio e volessimo, per esempio, mettere al sicuro i nostri dati più importanti prima di tentarne la riparazione. Qui di seguito trovate una serie di articoli e video che approfondiscono questo interessante argomento.

Attenzione: le operazioni che si eseguono per installare un sistema operativo su un disco o altra memoria di massa (per esempio pendrive), e in particolare quella della formattazione, eliminano quanto è contenuto nell’unità di memorizzazione, di conseguenza assicuratevi sempre di utilizzare supporti che non contengono dati importanti o, meglio ancora, che siano totalmente vuoti. Anche se un sistema operativo non può formattare il disco da cui si è avviato, in questi casi il boot (avvio) può avvenire da altre memorie di massa e di conseguenza portare al danneggiamento o alla distruzione del contenuto del disco principale del computer.

Articoli consigliati:

Video consigliati:

 


Tags: avvio, boot, bootstrap, dual boot, Linux, pendrive, recupero dati, Windows