Come si fa a passare da un sistema operativo a un altro?

Ci sono diversi modi per fare esperienza con un sistema operativo diverso da quello che abbiamo sempre utilizzato, almeno per quanto concerne il mondo dei computer. Quando si tratta di “migrare” (come si dice in gergo tecnico) da Windows a macOS, per esempio, è quasi sempre necessario un vero e proprio cambio di computer, anche se esistono metodi per trasformare un PC in un Mac, anzi in un hackintosh. Se, invece, vogliamo provare Linux, possiamo creare una versione di quest’ultimo che si avvia da una memoria di massa esterna, per esempio un pendrive, da cui fare il boot, oppure installarlo “di fianco” a Windows, se abbiamo spazio libero sufficiente sul disco fisso, e avere così la possibilità di scegliere, all’avvio, quale dei due sistemi utilizzare, il cosiddetto dual boot. Avendo, invece, a disposizione un computer abbastanza potente, ovvero con un processore ad alte prestazioni e una memoria RAM da 16 o 32 gigabyte, potremmo sperimentare sistemi operativi diversi da quello presente sul computer, o altre versioni di quest’ultimo, attraverso le cosiddette macchine virtuali, versioni software di computer su cui è possibile installare uno qualsiasi dei sistemi operativi più noti. Infine, nel caso volessimo provare (o riprovare, se abbiamo una certa età e tanta nostalgia a riguardo) un vecchio sistema operativo o computer degli anni Novanta o degli anni Ottanta, ci basterà ricorrere a uno dei tanti emulatori disponibili su Internet (per computer o smartphone), software in grado di riprodurre sullo schermo del nostro computer quello di una delle macchine di allora, comprese le console per videogiochi. Insomma, le possibilità di passare da un sistema operativo a un altro sono davvero tante, legate più che altro all’hardware e al software che abbiamo a disposizione e alla nostra esperienza e competenza (nel caso non volessimo affidarci a qualcuno più esperto). Nel mondo dei tablet e degli smartphone, invece, i sistemi operativi principali sono due, Android e iOS, e l’unico modo concreto per passare dall’uno all’altro consiste nel cambiare dispositivo, purtroppo.

Articoli consigliati:

Video consigliati:

 


Tags: emulatori, Linux, macchine virtuali, macOS, sistemi operativi